A PROPOSITO DELL’INCONTRO SULLA DIGA DI ARMORANO

Carissimi soci, martedì 22 marzo, in occasione della giornata mondiale per l’Acqua abbiamo promosso come Sezione un incontro per approfondire il tema della gestione delle risorse idriche nel nostro Appennino, con un focus sul progetto di un serbatoio montano a uso plurimo sul Baganza ad Armorano. L’intento, nel solco di quanto previsto dai fini statutari della Sezione, era quello di promuovere un momento di conoscenza e di confronto su una tematica tanto attuale quanto complessa per le sue implicazioni non solo strettamente tecniche ma anche, per certi versi soprattutto, ambientali per consentire a tutti di raccogliere elementi sufficienti ad esprimere un giudizio chiaro e consapevole. La serata, che ha dato voce a punti di vista diversi e articolati è stata utile e interessante ed ha evidenziato con tutta chiarezza la necessità di approfondire il tema, soprattutto nelle sue implicazioni e ricadute ambientali e nella modalità di scelta delle tipologie e dei siti di intervento.
Con stupore e disappunto abbiamo poi letto sulla Gazzetta di Parma del 24 marzo un articolo sulla serata fuorviante nel suo non voler cogliere lo spirito dell’iniziativa, parziale nella presentazione delle posizioni e questioni emerse e, fatto per noi ancor più grave, scritto in modo tale da ingenerare la percezione di una posizione della Sezione convintamente a favore dell’opera. Ci dissociamo pertanto con fermezza da un pezzo strumentalmente sbilanciato solo verso chi è favorevole alla diga, mentre in realtà l'incontro da noi promosso è stato equilibrato e, come si conviene ad un dibattito di approfondimento, ha saputo dar voce a tutti i punti di vista.
Ribadiamo quindi che l’unica posizione attualmente presa dalla Sezione è quella di approfondire una tematica attuale e complessa, avendo come obiettivo primo la tutela ambientale del territorio montano. Incontri come quello del 22 marzo sono necessari e propedeutici a definire una chiara e motivata posizione che, come Sezione, non ci esimeremo dall’esprimere al termine di questo percorso di approfondimento e studio.

Roberto Zanzucchi
Presidente

Qui la registrazione della diretta Facebook: https://www.facebook.com/CaiParma/videos/353933859978805

In allegato la replica della Sezione a firma del Presidente pubblicata sulla Gazzetta del 26 marzo e la lettera che un partecipante alla serata ha inviato in Sezione.

Letto 810 volte

Sponsor

Newsletter CaiParma

Newsletter Family Cai

Social

facebook

instagram

Cai Sezione di Parma - APS

Sede Legale
Via Piacenza 40 - 43126 Parma (PR)
Telefono 0521 984901
Mail caiparma@caiparma.it
PEC parma@pec.cai.it
CF 92038500341 - P. Iva 02078830342
Conto Corrente
IBAN IT44D0623012781000036408533
Intestato a "Club Alpino Italiano Sezione di Parma"