Cerca nel sito


Gruppi

Meteo e Link

Designed by

LogoWolsec-119x55




PDF Stampa E-mail
 

logoNew

Alpinismo - Falesie CAI

LogoProgettoArrampicata_182

 


 

Introduzione

Nel territorio di competenza della Sezione di Parma del CAI, e segnatamente nella zona prossima al Crinale tra il Passo della Colla e Lagdei, si situano diverse strutture rocciose utilizzate sporadicamente già da parecchi anni dagli alpinisti locali.

Solo a partire da circa una decina di anni fa, tuttavia, alcune di tali strutture sono state attrezzate sistematicamente e con criteri rispondenti alle esigenze del tempo nel quale via via vennero realizzati i lavori, su iniziativa, cura e spese di singoli o gruppi estemporanei di appassionati.

Tali strutture, che rappresentano un patrimonio molto importante e non rinnovabile del territorio, presentano interesse non solo per i singoli frequentatori attuali e per quelli potenziali, ma si pongono come elementi di attenzione qualificanti per gli enti territoriali e sociali competenti (Comuni, Comunità Montane, Enti parco, Associazioni di tutela del territorio, Associazioni sportive ecc.).

Il CAI, finora non presente ufficialmente nello scenario delineato, si avvia in questo modo a svolgere un ruolo preminente, con indubbi vantaggio in termini di visibilità, di radicamento sul territorio e, in ultima analisi, di rafforzamento della propria presenza.

Un ruolo attivo in questo contesto risulta tanto più importante oggi per non perdere occasioni che altre associazioni, anche da fuori zona, hanno iniziato a sfruttare sul nostro territorio.

Il CAI locale ha le competenze e le risorse per inserirsi autorevolmente nel processo di sponsorizzazione e tutela delle iniziative attinenti l’arrampicata sviluppate sul territorio, indirizzandole secondo i criteri culturali ed ideali che animano l’associazione, svolgendo quindi un’efficace azione di salvaguardia ideale e concreta del territorio.

La considerazione di cui sopra trova fondamento anche nel fatto che la maggior parte degli interventi finora eseguiti nel settore è opera (a livello individuale) di soggetti soci della Sezione.

 Metodologia di intervento

Per un approccio graduale e sperimentale, si si è avviato un intervento inizialmente su un numero contenuto di strutture, le più consolidate e quindi anche le più frequentate, che sono poi anche le situazioni di più facile gestione.

Gli interventi pratici preventivati sono:

  • mappatura degli itinerari oggi presenti;
  • valutazione dell’idoneità dei singoli itinerari (sotto l’aspetto dell’attrezzatura – qualità, posizionamento ecc – e sotto l’aspetto della sicurezza complessiva);
  • eventuali possibili/necessari interventi di ampliamento/modifica/messa in sicurezza, bonifica e pulizia della struttura;
  • proposta degli eventuali lavori relativi ed esecuzione degli stessi;
  • relazione finale di idoneità teorica della struttura;
  • analisi di impatto ambientale;
  • previsione di una verifica periodica sulla struttura (potrebbe essere a cadenza annuale, preferibilmente ad inizio stagione);
  • lavori accessori di fruibilità (pulizia e segnatura sentieri d’accesso; tabellazione relativa; montaggio locandina con avvisi e descrizioni alla base di ogni struttura);
  • copertura assicurativa delle strutture;
  • apprestamento e tenuta del registro della falesia;
  • pubblicizzazione delle strutture (e dell’intervento del CAI) sulla stampa sociale e locale.

Gli interventi realizzati al giugno 2012 sono:

 Le falesie sopra indicate sono state oggetto di relazione tecnica di Ingegnere competente e sono stata accatastate ed assicurate presso il CAI Centrale a cura della Sezione di Parma.

Per qualsiasi ulteriore informazione o per segnalare soste o protezioni da sistemare, si prega di scrivere una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.